Posts tagged direttore

Waka Waka a Minzolini: mentre aspettate l ‘8 ottobre eccovi il tutorial

Sarà un flashmob? Sarà un sit-in? Sarà quel che sarà, il punto è chiedere le dimissioni di Minzolini dalla carica di direttore del Tg1. L’appuntamento è davanti alla sede Rai di Viale Mazzini a Roma, alle 11.30 di venerdì 8 ottobre. I ragazzi e le ragazze di Valigia Blu, il gruppo che si batte per la libertà dell’informazione e la dignità dei giornalisti, daranno vita ad una singolare performance: come i celebri All Black neozelandesi, daranno vita ad un potente waka waka. Tale sarà la forza sprigionata che forse il poco imparziale direttore Tg dell’ammiraglia Rai verrà letteralmente spazzato via. Se volete partecipare, eccovi il video tutorial: imparate i passi, e presentatevi carichi all’appuntamento.


Annunci

Leave a comment »

Mail Bombing vs. Studio Aperto. Rispondi a Giovanni Toti.

Palermo, 29 giugno. Il tribunale emette finalmente una sentenza attesa da quattro anni: al senatore Pdl Marcello Dell’Utri vengono inflitti sette anni di condanna per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa. L’uomo sospettato di essere il grande ambasciatore della mafia negli affari al nord, collaboratore di Berlusconi fin dagli anni ’70 e cofondatore di Forza Italia, esce dall’aula continuando a ripetere di considerare un eroe lo “stalliere” Mangano. Già di per sè questo sarebbe un’ insulto gravissimo, fango sulla memoria dei veri eroi di questo paese. Il peggio però lo dovevamo vedere sui “telegiornali” delle reti del Premier. E in questo coro orrendo di innocentisti a pagamento, ci è toccato assistere anche a un imbarazzante commento di Giovanni Toti,  direttore nientemeno di Studio Aperto. In questo editoriale il prode Toti ci parla con tono aggressivo di “fantasiose ricostruzioni” della Procura di Palermo, e via con un crescendo di altre nefandezze. Questo “giornalista”, imbarazzante per il suo zelo forse persino per un regime, ci sta in sostanza dicendo che la Mafia bisogna lasciarla stare. Che dobbiamo starcene zitti.Ci sta dicendo che i mafiosi sono eroi, non Falcone, non Borsellino e chi è morto per combatterli. C’era una volta Enrico Toti, eroe della prima guerra mondiale. C’è oggi Giovanni Toti, campione (lo ripeto, a pagamento) della prostituzione morale. Senza offesa per le prostitute, che non meritano di essere confuse con un siffatto sottopanettiere del MinCulPop.

Noi quindi zitti non ce ne staremo, e diffondiamo l’appello: rispondiamo a Giovanni Toti. Scrivete a studioaperto@mediaset.it. In questo paese c’è una maggioranza di persone che pensano. E che non tollerano queste schifezze.

Comments (8) »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: